Programma Annuale 2021/3 PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 11
ScarsoOttimo 
Scritto da Administrator   
Mercoledì 04 Novembre 2020 16:34

PROGRAMMA ANNUALE  2021/3

vai all'articolo Programma Annuale 2021/1

vai all'articolo Programma Annuale 2021/2

RADIAZIONE e/o RIDUZIONE DI RESIDUI

Ci siamo avvicinati gradualmente a questo ultimo step prima di passare alla predisposizione vera e propria del Programma annuale: si dovranno esaminare uno per uno i Residui esistenti nel Mod. L e nella stampa della Movimentazione dei Residui Attivi e Passivi per valutarne il grado di esigibilità (Residui Attivi) e l'effettività (Residui Passivi).

Premesso che la gestione dei Residui è totalmente separata dal bilancio che è di competenza (Art. 1 DI 129/2018) e che i Residui attivi sono CREDITI, la cui riduzione o radiazione determina una riduzione corrispondente dell'Avanzo di Amministrazione e che i i Residui Passivi sono DEBITI, la cui riduzione o radiazione determina un aumento dell'Avanzo, le coordinate di fondo di questo esame dei Residui sono sostanzialmente due:
1) Numero dei Residui - Se sono troppi, si deve approfondire l'analisi, in quanto è da considerarsi un'anomalia della gestione contabile, sia in caso di Residui Attivi che Passivi.
2) Anno di provenienza del Residuo - Se siamo ad oltre due anni si deve diffidare del Residua ed andare a fondo con l'indagine con l'intenzione di radiare, sia in caso di Residui Attivi che Passivi.

 

L'atteggiamento del DSGA deve essere duplice: una petizione di principio di sfiducia di fronte a molti residui e per di più vecchi, ma si deve essere flessibili ed accettare le eventuali motivazioni di tale eccesso di numerosità o di vetustà, purchè ci sia una motivazione valida o almeno credibile e/o ragionevole.

 

Vediamo una casistica generale dei Residui Attivi:

  • Residui Attivi a carico del Ministero dell'Istruzione (esclusi i PON) - In genere il MI effettua l'erogazione dei finanziamenti al massimo entro l'Esercizio successivo a quello in cui è stata accertata l'Entrata. Solo molto raramente può capitare un ritardo maggiore di un anno ed è possibile contattare via PEC o anche telefonicamente il Ministero per avere chiarimenti, se non si riesce ad ottenerli presso la propria scuola.  Dopo due anni il MI applica la perenzione amministrativa e le Istituzioni Scolastiche devono attivarsi per far re-iscrivere il loro credito (quasi sempre ci sono problemi in rendicontazioni non fatte o di cui è stata chiesta un'integrazione).
  • Residui PON FSE e/o FESR - Dal SIDI/SIF2020 si deve scaricare il Riepilogo di tutti i Progetti PON autorizzati alla scuola: devono essere certamente radiati tutte le differenze fra Importo Autorizzato e quello rendicontato con il Rend (PON a COSTI REALI) in quanto somme NON dichiarate come impegnate dalla scuola che l'AdG NON accrediterà mai. 
    Anche per i PON FSE a COSTI STANDARD si dovranno certamente radiare tutte le differenze fra l'importo Autorizzato e quello rendicontato con il Rend, che sono derivanti dalla riduzione dell'importo ricalcolato a seguito della rilevazione delle assenze degli alunni alle attività progettuali del PON.
  • Residui Attivi derivanti da Contributi delle famiglie - Devono essere considerati "sorvegliati speciali": è impensabile che le famiglie degli alunni effettuino versamenti di contributi volontari di anni precedenti (già è difficile ottenere quello dell'anno in corso !).  Vanno, quindi, radiati i residui da contributi superiori ad un anno.  Anche quelli dell'esercizio precedente devono essere accuratamente vagliati, soprattutto se l'importo complessivo è rilevante.
  • Residui attivi da Enti Locali o altri soggetti - Non ci sono particolarità da considerare, ma vanno controllati scrupolosamente sotto l'aspetto del numero e dell'anno di provenienza.

La casistica dei Residui Passivi è, invece, molto più semplice, in quanto all'inizio di ogni esercizio finanziario, si procede a pagare gli impegni assunti nel precedente esercizio che non si è riuscito a pagare entro il 31/12:

  • Residui Passivi verso personale interno o Esperti Esterni - Difficilmente i creditori sono disposti ad aspettare più di un anno per essere retribuiti per le attività svolte.  solo occasionalmente possono esserci dei motivi validi per ritardi superiori a un anno, per esempio per mancata o ritardata erogazione del finanziamento da parte degli enti debitori
  • Residui Passivi verso fornitori - In questa ipotesi è ancora più improbabile che un operatore economico che ha fornito beni o servizi o eseguito lavori, per i quali ha emesso una regolare fattura elettronica, accettata dalla scuola, subisca un ritardo nell'adempimento senza agire in modo soft (Lettere/Telefonata di sollecito) o più incisivo (Procedura esecutiva).  sono praticamente inesistenti le ipotesi che possano giustificare un Residuo Passivo di questo genere per oltre un anno.  Si consideri, inoltre, che un ritardo di questo genere determinerebbe un pessimo Indice di tempestività dei pagamenti (basta una sola fattura non pagata per oltre un anno e si ha un degrado notevolissimo dell'indice).

ERRORI FREQUENTI

Il tipico errore in cui ci si può imbattere quando ci sono troppi o troppo vecchi Residui deriva dal fatto che potrebbe essersi verificato che la riscossione o il pagamento siano avvenuti emettendo rispettivamente Reversali o Mandati in competenza, pur essendo presenti in bilancio i corrispondenti Residui Attivi o Passivi

In questo caso i Residui non estinti rimarranno per sempre nelle scritture contabili ed è assolutamente necessario eliminarli: si deve procedere a ridurre o radiare (cioè eliminare completamente) i singoli Residui Attivi o Passivi.  Occorre predisporre un motivato Decreto del Dirigente Scolastico che va portato in Consiglio di Istituto per essere deliberato.

CONSEGUENZE DELLA RADIAZIONE/RIDUZIONE DEI RESIDUI

Le operazioni di radiazione o riduzione dei Residui hanno un immediato riscontro sulla determinazione dell'Avanzo di Amministrazione, che deve essere comunicato al DS per consentirgli di predisporre il Programma Annuale 2021; si consideri che tale operazione sui Residui passivi AUMENTA l'Avanzo e, quindi, può essere fatta con una certa tranquillità, eventualmente accantonando per massima prudenza l'importo radiato/ridotto in Z101 del 2021.

CONCLUSIONE

Dopo aver "normalizzato" le Entrate e le Spese ed aver ripulito la situazione dei Residui Attivi e Passivi siamo in presenza dell'Avanzo di Amministrazione PRESUNTO, quantificato con la nota formula con cui si calcola l'Avanzo:

Fondo di cassa a fine esercizio + Crediti (Residui Attivi- Debiti (Residui Passivi= Avanzo di Amministrazione

L'eliminazione di Residui Attivi comporta una riduzione dell'Avanzo di amministrazione, al contrario la radiazione di Residui Passivi determina un aumento dell'Avanzo di Amministrazione; di conseguenza, la formula completa dell'Avanzo potrà essere espressa anche nel modo seguente:

Avanzo di Amministrazione anno precedente + Avanzo di competenza + TOTALE RADIAZIONI Res. Passivi - Disavanzo di competenza - TOTALE RADIAZIONI Res. Attivi = Avanzo di Amministrazione anno corrente

PROSSIMO APPUNTAMENTO e CONCLUSIONE nel corso di questa settimana
Buon lavoro

vai all'articolo Programma Annuale 2021/1

vai all'articolo Programma Annuale 2021/2

vai all'articolo Programma Annuale 2021/3

 

Segnalo che nel sito www.liberodileo.it sono presenti:  il blog rinnovato, le News sempre aggiornate, il FORUM e le FAQ di interesse per il personale amministrativo della scuola, materiali per i DSGa FF e per i partecipanti al Concorso DSGA e una raccolta di link molto ricca

dallo stesso curatore:


Copyright © 2020 liberodileo.it. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
 

Cerca con Google


PROVA ORALE
in Liguria,
Emilia
Romagna e
Lazio
(LAZIO: mancano esiti
prova scritta e calendario)

DB Domande Orale


da Novembre a Marzo

 



.
Logo studio Cataldi


Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information